L’importanza della consapevolezza nell’ADHD

L’importanza della consapevolezza nell’ADHD

Durante l’infanzia è possibile notare difficoltà o criticità che muovono i genitori ad approfondire quanto sta succedendo al proprio/a bambino/a.

Potrebbero trattarsi di difficoltà scolastiche, emotive oppure sociali.

Nello specifico, in questo articolo ci dedichiamo a capire cosa fare quando i bambini e ragazzi hanno difficoltà nella gestione dell’impulsività, iperattività oppure quando non riescono a stare attenti, segnali caratteristici dell’ADHD.

Buona lettura!

Da leggere prima dell’articolo

Ciò che mi interessa evidenziare in questo articolo sono i punti di debolezza che un bambino/a o ragazzo/a potrebbero dover affrontare nel proprio cammino.

I bambini e ragazzi NON sono il loro disturbo. L’approfondimento di questo articolo vuole focalizzarsi sulla difficoltà della gestione dell’impulsività, iperattività e/o dell’attenzione e in particolare porre l’accento sull’importanza della mindfulness (in aggiunta a tutti gli altri trattamenti già esistenti per queste difficoltà!).

Una diagnosi serve per poter intervenire, per impostare un trattamento, per poter AIUTARE i nostri bambini e ragazzi a vivere una vita all’altezza dei loro sogni.

I nostri bambini e ragazzi NON SONO la loro etichetta diagnostica.

Disturbi tipici dell’età evolutiva

I Disturbi del Neurosviluppo sono disturbi caratteristici dell’età evolutiva e tendenzialmente compaiono prima dell’inizio della scolarizzazione.

I disturbi riguardano deficit (specifici o globali, in base alla tipologia del disturbo) che causano difficoltà nel funzionamento personale, sociale e/o scolastico.

All’interno di questa categoria troviamo: la disabilità intellettiva, i disturbi della comunicazione, il disturbo dello spettro autistico, il disturbo da deficit di attenzione/iperattività, il disturbo specifico dell’apprendimento e i disturbi del movimento.

Che cos’è l’ADHD

ADHD: Attention-Deficit/Hyperactivity Disorder, dall’acronimo inglese. Mentre in italiano è DDAI: disturbo da deficit di attenzione/iperattività.

Lo dice il nome stesso dove risiedono le difficoltà: nella gestione delle risposte impulsive e/o nel controllo motorio e/o nel mantenimento dell’attenzione.

In particolare, l’aspetto che ne risente di più è l’autoregolazione; regolare le proprie risposte fisiologiche, emotive, cognitive e comportamentali in funzione delle proprie esigenze e di quelle dell’ambiente.

Parliamo di difficoltà nei seguenti aspetti:

  • gestire le emozioni: positive e negative (entusiasmo, gioia, rabbia, frustrazione…);
  • posticipare una gratificazione: ad esempio, il bambino mostra difficoltà nell’aspettare di ricevere un gioco o un regalo, nello scartare e poi giocarci direttamente;
  • controllare gli impulsi delle risposte motorie o verbali: ad esempio, seppur sapendo che in classe si sta seduti al proprio posto, non riesce a fare a meno di giocare con l’astuccio, far cadere molte volte la penna, alzarsi e muoversi per la classe, etc.;
  • adattare gli schemi mentali in base a nuove informazioni, in continua evoluzione: nonostante l’ambiente intorno è cambiato, continuare con la strategia decisa fin dall’inizio.

Per comprendere che cosa significhi vivere con le difficoltà dell’ADHD e sperimentare a pieno l’esperienza dei nostri bambini e ragazzi, è possibile vedere un video.

Perché la Mindfulness è importante nell’autoregolazione

All’interno della Mindfulness sono presenti molte pratiche che richiedono l’utilizzo di attenzione, consapevolezza, memoria, accettazione.

Possiamo facilmente dedurre quanto siano importanti queste pratiche, esercizi e attività e quanto possano essere utili a tutti quei bambini che presentano manifestazioni riconducibili ai pattern di disattenzione, iperattività e/o impulsività.

Ma non solo è deducibile; sono gli ultimi quindici anni di ricerche che ci mostrano come sia possibile adattare protocolli pensati per gli adulti a bambini e adolescenti in molti contesti diversi da quelli educativi fino ad arrivare a quelli riabilitativi.

L’obiettivo primario della pratica Mindfulness è aumentare la consapevolezza di ciò che accade nella loro mente e nell’ambiente circostante.

Praticare la consapevolezza richiede che la mente sia concentrata su un compito dato e specifico. Allena i bambini a stare e vivere nel momento presente.
Attraverso la pratica e l’allenamento, i bambini possono imparare a osservare, così, sia l’esperienza interna che esterna, il modo di reagire ad essa e come tutte le parti siano connesse tra loro.

L’importanza della consapevolezza nell’ADHD permette ai bambini e ragazzi di sviluppare le loro capacità di riconoscimento e autoregolazione degli stati interni (cognizione, emozioni e sensazioni).

Tutto ciò permette loro di imparare a prendere le distanze dai vari stati emotivi vissuti, soprattutto comprendendo che l’emozione è lo specchio di ciò che sta accadendo in quella precisa situazione, ma non definisce chi sono.

Il ruolo della consapevolezza è importante per aiutare i bambini ad imparare ad avere un controllo adeguato di risposta alle emozioni, a non reagire impulsivamente.

Nel mio prossimo articolo di giugno vedremo più nello specifico alcune strategie da poter utilizzare fin da subito!

Antonella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.